Giovane sì, #coglioneNo

Ti piace questo contenuto?
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

giovane si, coglione no, zeroCiao umani

Nata dalla riunione di tre videomaker, Alessandro Grespan, Niccolò Falsetti e Stefano de Marco, la campagna Giovane sì, #coglioneNo ha come scopo la sensibilizzazione per il rispetto del lavoro dei giovani creativi.

Quante volte i giovani d’oggi fanno stage, collaborano e lavorano senza avere una retribuzione. La giustificazione che questi “datori di lavoro” danno ai giovani è sempre la stessa, ovvero: “Questo lavoro ti fa curriculum”, “Fai esperienza” “Ottieni molta visibilità”. Tutto questo serve per dirvi che il lavoro o la collaborazione che andrete a fare sarà gratis. Loro sanno benissimo che con l’esperienza e la visibilità non pagate il mangiare, l’affitto, ma nonostante ciò si approfittano di voi e del vostro lavoro, dicendovi le giustificazioni più assurde.

Lo scopo di Giovane sì, #coglioneNo è quello di dire basta a questo continuo sfruttamento di questa categoria di persone.
La campagna, in pochissimi giorni, ha avuto un grande successo sui maggiori social network, diventando un vero e proprio uragano mediatico. Questo perché mette il dito su una piaga scoperta e coglie appieno la situazione della maggior parte dei giovani d’oggi, soprattutto di quelli creativi.

Ecco come spiegano la loro campagna di sensibilizzazione i tre inventori:

#coglioneNo è la reazione di una generazione di creativi alle mail non lette, a quelle lette e non risposte e a quelle risposte da stronzi.
È la reazione alla svalutazione di queste professionalità anche per colpa di chi accetta di fornire servizi creativi in cambio di visibilità o per inseguire uno status symbol.
È la reazione a offerte di lavoro gratis perché ci dobbiamo fare il portfolio, perché tanto siamo giovani, perché tanto non è un lavoro, è un divertimento.

Questo gennaio ZERO vuole unire le voci dei tanti che se lo sentono dire ogni volta. Vogliamo ricordare a tutti che siamo giovani, siamo freelance, siamo creativi ma siamo lavoratori, mica coglioni. Spargi la voce e fai sentire la tua. ZERO

Questi invece sono i tre video pubblicati su ZERO e YouTube:



Concludo il post con la frase che rappresenta al meglio questa campagna.

“Vogliamo ricordare a tutti che siamo giovani, siamo free lance, siamo creativi ma siamo lavoratori, mica coglioni”.

La vostra Pog

Photo credit: http://zerovideo.net/coglioneno/



Ti piace questo contenuto?
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    1
    Share

Comments

comments

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Translate »