Le donne mulo del Marocco

Ti piace questo contenuto?
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    16
    Shares

donne-mulo-marocco

Ciao Umani!

Il post di oggi è dedicato alle cosiddette donne mulo del Marocco.

Tutto ha luogo a Ceuta e Melilla, due città autonome spagnole situate in territorio marocchino. A dividere il confine di queste due città, con la restante terra marocchina, ci pensano le barriere di separazione, fatte col filo spinato e circondate da poliziotti.

Ogni mattina il rituale è lo stesso. Circa 10.000 donne marocchine attraversano la frontiera spagnola, cariche di merce di ogni tipo, nascosta all’interno dei loro corpi. Trasportano di tutto, vestiti di seconda mano, scarpe, coperte, stoffe, pacchetti di patatine, carta igienica, articoli per la casa e persino alcoolici e pacchetti di sigarette.

Perché fanno tutto questo?

La merce trasportata addosso ad una persona non è considerata bagaglio, perciò esente dai dazi doganali. E’ così che si guadagnano da vivere. Per ogni viaggio compiuto ricevono circa 3€, quindi, più viaggi fanno, più guadagnano.

Con la schiena piegata, queste donne riescono a trasportare circa 70 kg di peso per ogni tragitto percorso, e compiono una media di tre viaggi al giorno. Se facciamo un piccolissimo calcolo 3 viaggi al dì x 70 kg di peso caricato addosso, sono circa 210 kg di merce trasportata sulla loro schiena e un guadagno di circa 10€ al giorno.

Ecco perché sono chiamate donne mulo. Sono donne di famiglia, che spesso hanno mariti e figli che aspettano e vivono con i loro soldi.

A quanto pare, i poliziotti di queste dogane non svolgono il loro dovere. Tutti i giorni non chiudono un occhio per non vederle, ma tutti e due.

Ad aspettare le donne, dall’altra parte della dogana, vi sono innumerevoli furgoncini bianchi che caricano la merce trasportata da loro per poi distribuirla ai piccoli e grandi commerciante delle città di Ceuta e Melilla.

Un vero e proprio mercato del contrabbando, fatto al cielo aperto, dove nessuno sembra vedere e sentire niente, facendo passare per un attività normale lo sfruttamento di queste madri, mogli e figlie.

Per rendervi conto di ciò che succede vi posto il seguente video:

La vostra Pog

Photo credit: Fernando del Berro per BBC


Ti piace questo contenuto?
  • 16
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    16
    Shares

Comments

comments

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Translate »